SCIENZA E TECNOLOGIA

“Scoperta Sconvolgente: Minime Variazioni Chimiche del Magma Possono Trasformare Stromboli ed Etna in Bombe a Orologeria!”

Stromboli ed Etna, noti vulcani italiani, potrebbero sperimentare eruzioni più esplosive a causa di minime variazioni nella composizione chimica del loro magma. Questo è il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications Earth & Environment, condotto da un team multidisciplinare di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), dell’Università Roma Tre e del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

“Le concentrazioni di elementi chimici come titanio e ferro influenzano il comportamento del vulcano,” spiega Fabrizio Di Fiore, ricercatore INGV e primo autore dello studio. “Queste variazioni chimiche determinano la formazione di cristalli nel magma, che ne aumentano la viscosità e la capacità di intrappolare le bolle di gas. Se le bolle non riescono a sfuggire, si accumulano nel vulcano, aumentando la pressione e favorendo eruzioni esplosive.”

Alessandro Vona, vulcanologo dell’Università Roma Tre, aggiunge: “Il nostro studio rappresenta un passo avanti nella comprensione del trasporto del magma, che determina lo stile eruttivo. I magmi basaltici, come quelli di Etna e Stromboli, tendono a produrre eruzioni effusive, ma la nostra ricerca spiega perché si verificano eventi esplosivi.”

Danilo Di Genova, ricercatore dell’Istituto di Scienza, Tecnologia e Sostenibilità per lo Sviluppo dei Materiali Ceramici del CNR (CNR-ISSMC), sottolinea l’importanza dell’interazione tra vulcanologia e scienza dei materiali: “Abbiamo evidenziato che anche piccole variazioni nella concentrazione di ferro e titanio del magma possono influenzare il comportamento dei vulcani. Questo perché alcuni magmi riescono a solubilizzare con grande efficacia questi due elementi, mentre altri magmi tendono a espellerli rapidamente sotto forma di cristalli.”

“I risultati dimostrano l’importanza degli studi sperimentali in vulcanologia e in petrologia per migliorare la nostra comprensione dei vulcani,” conclude Piergiorgio Scarlato, ricercatore dell’INGV e coordinatore del Progetto INGV Uno sul vulcanismo esplosivo dello Stromboli, nel cui ambito è stata condotta la ricerca.

La prossima fase dello studio prevede di collegare le osservazioni sperimentali ai processi naturali, con l’obiettivo di sviluppare modelli predittivi delle eruzioni vulcaniche su base probabilistica. Questo lavoro contribuirà a migliorare le previsioni delle eruzioni vulcaniche, aumentando la sicurezza delle comunità vicine ai vulcani.

Leggi Tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio